martedì 6 agosto 2013

Colgo l'occasione per provarci.




Ormai mi ero messa l’anima (quasi) in pace e continuavo a ripetermi che “in generale è un periodaccio per cercare lavoro, figuriamoci d'estate”. Ormai sapevo che se ne sarebbe riparlato a Settembre. Cercavo di mantenere la calma ma, ogni tanto, il panico si affacciava nelle mie giornate. Se fossi stata certa di trovare qualcosa a Settembre, mi sarei tranquillamente goduta l’estate al mare ma, non avendo tale sicurezza, sdraiarsi al sole senza pensieri non era sempre facile. Anche perché, effettivamente, un’occupazione me la sono sempre cercata fin da quando studiavo e, sebbene non ricavassi uno stipendio pieno, riuscivo in questo modo ad avere in tasca qualcosa di “mio”.
Tutti in famiglia mi incoraggiavano, convinti che dopo l'estate avrei trovato qualcosa e mi esortavano a godermi questo tempo libero in tranquillità. Ma a me sembrava di brancolare nel buio. In più ero appena tornata da Londra e passavo da giornate pienissime alla calma piatta. Ero anche scoraggiata perché, effettivamente, un colloquio mi era anche capitato. Era il primo in assoluto. In una Roma tremendamente affascinante, quella mattina mi avviai verso la sede della società accompagnata da un mix di agitazione e speranza. Quando durante il colloquio mi venne comunicata la retribuzione, capii che non era cosa: 250 euro lordi per un impegno full time. Dunque, non è che io pensavo di laurearmi e di andare a fare la manager o di guadagnare chissà cosa, perché non ho di certo questa presunzione, sono la prima a sostenere l’umiltà e a condannare atteggiamenti di superbia. Farò la gavetta, come tutti, ma non avrei potuto permettermi di guadagnare quella cifra per molto tempo. Piuttosto sarei tornata a fare il doppio turno in un qualsiasi ristorante, anche perché per me Roma comporterebbe necessariamente maggiori spese, non essendo la “mia” città. Sono tornata dall’estero con la voglia di provarci, ma non a queste condizioni.
La tentazione di mollare la presa c'è stata più volte, soprattutto perchè avendo conosciuto e vissuto la più florea realtà inglese, la mente spesso mi riportava li. Ma avevo deciso che mi sarei data un tempo per provarci, pur consapevole che sarebbe stato difficile sia trovare una nuova dimensione sia liberarmi dal pensiero quasi ossessivo di quella realtà dove le cose funzionano. Nonostante la mia smania dovuta al non sapere se e quando questa nuova dimensione sarebbe arrivata, ho insistito perchè, nonostante tutto, sono sempre stata convinta di volerci provare. Tra uno scoraggiamento e l'altro, si è presentata per me un’altra occasione che ha riempito con un pò di euforia il mio serbatoio di pazienza. Stavolta l'offerta era migliore sotto tutti i punti di vista:  il settore mi sarebbe piaciuto molto, la retribuzione sarebbe stata migliore e la posizione facilmente raggiungibile con la metro, così non avrei nemmeno avuto bisogno di altri mezzi. Mi hanno scelta. Ho accettato. Sono felice. Tuttavia, so già che questo lavoro avrà una breve durata, però intanto incasso e porto a casa, devo fare esperienza e da qualche parte devo pur cominciare. 

39 commenti:

  1. La tua conclusione è esattamente l'unico punto di partenza possibile! In bocca al lupo, dunque, e complimenti per il nuovo lavoro ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi;) l'importante è che ci sia almeno un punto di partenza.

      Elimina
  2. Ti faccio i miei complimenti per il tuo nuovo lavoro! Sono un pò nella tua stessa situazione.. non immagini quanto ti capisco. Purtroppo non c'è molto da fare: ci tocca rimboccarci le maniche e iniziare a fare gavetta - come dici tu :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che siamo in tanti in questa situazione, ogni tanto qua e là leggo post su questo tema. Rimbocchiamoci le maniche, il resto si vedrà. Baci

      Elimina
  3. Hai l'atteggiamento giusto....parti così e vedrai dove arrivi!!! Un abbraccione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo sia quello giusto;) un abbraccio anche a te.

      Elimina
  4. Guarda, è una realtà molto comune quella in cui ti sei trovata, io ho lavorato in stage presso una delle più grandi case di moda e prendevo 200 Euro per 10 ore di lavoro al giorno, e senza alcuna prospettiva... Ed alla fine si chiedono perchè molli!
    Per carità la gavettà è giusta e normale, ma qui si rasenta la schiavitù, quanto si può durare in una sitazione del genere?
    Sono contenta che tu abbia finalmente trovato il lavoro giusto per te, ti faccio un grandissimo in bocca al lupo!!!
    Un bacio!
    S
    http://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le aziende si approfittano del fatto che sei neolaureata e che hai bisogno di fare esperienza, che sei con l'acqua alla gola in cerca di un'occupazione. La situazione rasenta la decenza ed accettarla dopo aver vissuto in una realtà migliore sotto questo punto di vista, non è facile. Baci

      Elimina
  5. Complimenti e in bocca al lupo! (cmq i 250 euro lordi che ti avevano proposto non è gavetta è schiavitù)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi! E' schiavitù, hai ragione, considerando anche gli improponibili orari lavorativi.

      Elimina
  6. Ma che splendida notizia!! Che dire, congratulazioni e un super in bocca al lupo!!!!!

    RispondiElimina
  7. Sìsì, fatto benissimo.
    In bocca al lupo! :-)

    RispondiElimina
  8. Hai fatto bene ad accettare, se non lo avessi fatto ti saresti solo impigrita e ti saresti data alla depressione full time perchè nn hai un lavoro. Adesso incomincia e prenditi i soldini nel mentre lavori, hai la giornata impegnata e se vuoi spendere per qualcosa sai di avere la disponibilità, purtroppo il periodo non è bello ma stare a lamentarsi sul divano comunque non aiuta... in bocca al lupo io tifo per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi;) sicuramente impigrirsi non aiuta, è necessario rimboccarsi le maniche.

      Elimina
  9. Sono contenta...ma nn ho capito che farai e dove...ci dirai qualcosa di più?
    In bocca al lupo! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, via via vi racconterò le cose. Comunque il lavoro è a Roma. Crepi il lupo;)

      Elimina
  10. Ma bene!!!! sai che anche io non ci avrei mai provato in estate?!?! faccio gli stessi ragionamenti tuoi. Ma brava tu che lo hai fatto fino in fondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente è più difficile in estate, di offerte lavorative non ce ne sono molte. Però mai dire mai;)

      Elimina
  11. Come ti capisco!!! Brava, così si fa!!! Tieni duro!


    Grazie per essere passata da me

    RispondiElimina
  12. "sono felice" dici tu.
    a posto così allora.

    RispondiElimina
  13. Brava princiii!!! Sono felice per te... e hai fatto bene a rifiutare quell'offerta indecente: va bene la gavetta, ma 250 euro a Roma per un lavoro full time? Ma cosa credono che siamo tutti figli di miliardari?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una rabbia guarda... proporre quella retribuzione è una VERGOGNA. Ed è ancora più vergognoso il sistema, che lo permette.

      Elimina
  14. Certo che 250€ è sfruttamento: dovrebbe essere proibito per legge. Puah.
    Meglio concentrarsi sulla notizia positiva. E' arrivata la tua occasione!! buone soddisfazioni ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pienamente d'accordo con te. Dovrebbe essere proibito per legge. Ma, purtroppo, la legge è la prima che se ne frega. Poi ci si stupisce se la gente va all'estero, mah... Cercherò di giocarla bene questa occasione, anche se sarà solo temporanea. Grazie per la visita;)

      Elimina
  15. se mi dici la via dell'agenzia che ti ha proposto 250 euri lordi per un full time vado a lanciargli feticci di carta igienica
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io vengo a farti compagnia;) Crepi il lupo, grazie per la visita!

      Elimina
  16. Brava Princi, Brava brava e brava son felice per te, e fregatene se è per poco, intanto va bene, come dici tu, ti togli l'angoscia, prendi qualcosa, impari e accorci il tempo di gavetta e porti via un po' di esperienza...che saprai poi rivendere!
    Brava Ottimo...no comment x i 250 €.. anzi si uno: ma vaff....

    Un bacio grande
    ciaoo
    Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, l'importante è cominciare a fare esperienza. Vivo il momento e speriamo che in futuro si presentino altre opportunità. Un bacione

      Elimina
  17. Ciao Princi. Eh io insisto da molto tempo e ancora niente all'orizzonte. Nemmeno un lavoretto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io forse sono stata agevolata dalla mia disponibilità a spostarmi. Se avessi voluto rimanere nel mio paese in toscana, sarei ancora li a cercare lavoro e chissà per quanto tempo sarei rimasta senza. In città, si sa, le opportunità sono maggiori. Comunque tieni duro e in bocca al lupo;)

      Elimina
  18. vbb già è qualcosa poi tieni duro :) tenta e ce la farai a trovare il lavoro che cerchi! :)

    RispondiElimina
  19. Per chi ha lavorato e/o vissuto a Londra, tornare in Italia è un TRAUMA! io ancora non mi sono ripresa dopo 2 anni!!!!! Mi chiedo se quello stile di vita e quella curiosità che ti scatena Londra, potrà mai essere, seppur in minima parte, replicabile a Roma o in qualsiasi altra parte d'Italia. per adesso continuo a rispondermi NO, nonostante io viva a Roma da ormai 10 anni. Sob.
    Corro a leggermi le tue avventure Londinesi :D

    RispondiElimina