martedì 4 febbraio 2014

Ho trovato la formula magica.

Da Settembre ogni tanto, a cadenze più o meno regolari, promettevo “dalla prossima settimana andrò in palestra”, proposito sistematicamente non rispettato principalmente a causa dell’orario di rientro a casa la sera. Perché dopo una giornata di lavoro tutto vorrei fare fuori che andarmi a stancare di nuovo. Tant’è che una formula magica in realtà esiste e, finalmente, l’ho trovata.
Era Dicembre quando durante una cena conobbi una ragazza con la mia stessa intenzione ma anche lei non riusciva a trovare la forza di dirigersi verso la palestra prima di rientrare a casa. Decidemmo che, passate le vacanze di Natale e rientrate nei ritmi quotidiani, saremmo andate insieme a cercare una palestra, perché in due è decisamente più stimolante, ci aspettiamo a vicenda e questo non permette a improvvisi cambi di idee di frenare la voglia di andare a sgambettare. I requisiti che ci interessavano erano soltanto un paio: il prezzo decente e il corso di Zumba. Abbiamo girato qualche struttura ma in nessuna siamo uscite divertite ed entusiaste. Poco male, la prova era gratuita però non era quello che cercavamo. In realtà volevamo semplicemente scaricarci dell’intensa giornata passata a correre da una parte all’altra della città, muoverci un po’ dopo ore trascorse sedute in ufficio e, soprattutto,  volevamo divertirci. Alla fine siamo approdate in un corso dove la Zumba si fa a ritmo di Salsa, Bachata, Twist e chi più ne ha più ne metta. Zumba non è una formula universale e tantomeno è sempre vincente, a mio parere il suo successo dipende moltissimo dall’istruttore che si incontra. Ce ne sono tantissimi in giro, più o meno in tutte le palestre, ma pochi di loro sanno essere davvero coinvolgenti. Quello che abbiamo incontrato è molto bravo, arriva da quei Paesi dove i movimenti latini scorrono nel sangue e l’energia esce da tutti i pori. Ogni tanto mi guardo nell’immenso specchio che ci riflette tutte e mi vedo con quell’impostazione tipica di chi viene da anni e anni di danza classica, di punte e tutù e mi sorprendo lasciarmi andare in movimenti di tutt’altra specie che però mi appassionano, mi divertono e mi fanno correre per arrivare puntuale alla lezione di Zumba.


20 commenti:

  1. Credo anche che sia ottima per scaricare la tensione che dici e per consumare calorie....ora non vado più, ma in palestra questi corsi io non me ne perdevo uno...quasi, quasi ricomincio che mi hai fatto venire nostalgia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente durante il corso scarico la tensione di tutta la giornata, stacco da tutto e mi diverto:)

      Elimina
  2. Anche a me piacerebbe fare zumba, però proprio come hai detto te per trovare un corso decente dovrei fare km e km, perchè qua e nelle vicinanze non c'è niente. Tra l'altro avendo pochissima voglia di muovermi trovare una palestra troppo lontana da casa sarebbe l'ulteriore scusa per rimanere sul divano!Ah, evviva la pigrizia :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh infatti il segreto è trovare la formula magica per partire, altrimenti vince il divano:)

      Elimina
  3. Bellissima Zumba, anche a me piaceva tanto...cavoli, dovrei proprio rimettermi ad andare in palestra anche io!! :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio carina! Da quanto mi piace l'ora di corso mi vola. Baci

      Elimina
  4. fatto bene brava! io pure con il nuoto mi sono iscritto al corso altrimenti con il nuoto libero non ci andrei mai dalla pigrizia! l'importante cmq è scaricare lo stress della giornata :)) buona settimana, ciao Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza un orario preciso non andrei mai nemmeno io, i corsi liberi non fanno neanche per me. Buona serata

      Elimina
  5. Affrontare la palestra in due, dopo la fatica di una giornata lavorativa, dev'essere sicuramente più piacevole.. Ma io non ce la farei lo stesso :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stata la svolta essere in due. Ci sproniamo a vicenda e ci aspettiamo, in modo che all'ultimo minuto una non può certo rifiutare di andare:)

      Elimina
  6. Mi sono appena unita ai tuoi lettori...Io sono sempre stata l'antisport per eccellenza...Ma da un anno frequento assiduamente una palestra...Per me è stata terapeutica...

    RispondiElimina
  7. Beata te! Io e il ritmo siamo agli antiopodi, purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinta che Zumba ti piacerebbe comunque;)

      Elimina
  8. Hai ragione: la parte più faticosa della palestra è uscire di casa e arrivarci!!!

    RispondiElimina
  9. Lascia perdere, io sto ancora cercando di convinermi...da ottobre xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forza forza, basta iniziare;) baci

      Elimina